ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

  • Con deliberazione XI/2986 del 23.03.2020 Regione Lombardia ha definito e previsto alcuni strumenti territoriali finalizzati alla gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero. È previsto un rafforzamento delle Unità Speciali Continuità Assistenziale (USCA) per cui vengono date indicazioni alle ATS di arruolare un numero di medici tale da poter effettuare la sorveglianza, avvalendosi di strumenti anche di natura tecnologica, di almeno il 4% della popolazione di ogni distretto entro l’anno per prevenire il diffondersi del contagio. Con la suddetta deliberazione è demandato ai medici di medicina generale (MMG/PLS) e Ospedali il compito di individuare il percorso domiciliare più appropriato per la presa in carico del paziente COVID alla luce delle condizioni cliniche e di fragilità anche sociale: Assistenza domiciliare integrata (ADI COVID) con telemonitoraggio, Cure Palliative, eventuale ADI ordinaria.